Home

» 

Eventi

 » 

Alessandro Preziosi e Nando Paone - Don Giovanni

dal 19 dicembre 2015 al 20 dicembre 2015

Alessandro Preziosi e Nando Paone - Don Giovanni

BARI (BA)

TEATROTEAM

Le versioni del mito di Don Giovanni sono ben superiori alle donne sedotte dall'ammaliatore sivigliano e contano oltre 4000 riscritture. Già quando, dopo il grande successo delle Nozze di Figaro, Pasquale Bondini, direttore del teatro di Praga, commissionò a Mozart una nuova opera, il Don Giovanni , suggerito da Lorenzo da Ponte era un soggetto già ampiamente trattato e molto famoso presso il pubblico. Numerosissime erano state le rappresentazioni teatrali con protagonista questo personaggio, la cui immensa fortuna letteraria era cominciata nel 1630, quando Tirso de Molina, probabilmente ispirandosi a racconti popolari che utilizzavano i padri Gesuiti, negli spettacoli edificanti dei loro piccoli allievi facendone il prototipo dell’eretico blasfemo per definizione., scrisse il suo Burlador de Sevilla. Venne in seguito ripreso dalla Commedia dell’Arte italiana, che lo incluse nel suo repertorio accentuando gli aspetti più comici della vicenda. Molière, attinge a queste fonti italiane e le rielabora per ricavarne un suo personale Don Giovanni: ritraendolo come un personaggio raffinato, cinico, dissacrante, in aperta opposizione con le convenzioni sociali, pronto a burlarsi anche della religione. Da Ponte prese, per così dire, il meglio di ciascuna fonte, eliminando i personaggi minori e creando una storia con una grande varietà di toni: un dramma giocoso in cui il comico e il drammatico si incrociano di continuo, e in cui agiscono personaggi di estrazione sociale molto diversa (aristocratici, servitori, contadini). Da Ponte ha steso nella compresenza di toni drammatici e comici un materiale drammaturgico teso a coniugare l’esaltazione ed il senso tragico dell’opera suggerito da Mozart, e le mirabili leve sulle parti comiche, necessarie per meglio andare incontro al gusto del pubblico. A quasi quarant'anni dalla morte di Mozart (1791), Puskin, il più innovativo tra i poeti e narratori del romanticismo russo scrive nel 1830 Il convitato di pietra - variazione sul tema del Don Giovanni - dove la statua del Commendatore è convocata dal Don Giovanni non a un banchetto, ma, con cinica empietà, ad assistere al suo incontro amoroso con la di lui vedova, incontro che si concluderà con la morte del seduttore per la stritolante stretta della marmorea mano dell' ospite incautamente invitato Il Don Giovanni di Puskin non è un banale donnaiolo, collezionista di femmine per sfogo fisiologico o edonistico svago, ma a dominare è una volontà di potenza, di affermazione di sé che nasce da un vuoto esistenziale, da una sorta di noia metafisica, e insieme da un timore di fallimento. Un Don Giovanni che, prossimo al termine della sua carriera, diviene finalmente capace di amare.

 

personaggi e interpreti:

Don Giovanni Alessandro Preziosi

Sganarello Nando Paone Donna

Elvira Lucrezia Guidone

Gusman Roberto Manzi

Don Carlos Matteo Guma

Don Alonso Roberto Manzi

Francisco Daniele Paoloni

Carlotta Barbara Giordano

Maturina Daniela Vitale

Pierino Daniele Paoloni

Violetta Daniela Vitale

Ragotin Matteo Guma

Il Signor Domenica Roberto Manzo

Ramon Matteo Guma

uno spettro Barbara Giordano

Tags: Alessandro Preziosi  nando paone  don Giovanni  bari  teatro  teatro team  prosa    
      
Lascia un commento ;-)


 
AIUTACI A MIGLIORARE IL PORTALE.
CONTRIBUISCI ANCHE TU CON UNA DONAZIONE.